Speleovivarium e management

Venerdì 25 settembre, il nostro socio Edi Mauri è stato relatore al convegno organizzato dal Project Management Institute e partrocinato da Turismo FVG illustrando nella prestigiosa villa Chiozza di Scodovacca, sede proprio di Turismo FVG, lo straordinario percorso dello Speleovivarium.

Il convegno, intitolato “Cosa muove il turismo ? – Quando il progetto è una risorsa” ha visto tra i relatori ospiti di eccezioni quali Michelangelo Martorello (Città d’arte e circuiti turistici – QB Quality Business), Nicola Galiazzo (Rete d’imprese e revenue management di destinazione – Grado in Rete), Enrico Marchetto (Discover Trieste: vetrina e social wall di una città – TriesteCittàDigitale), Nicola Davanzo (Come si innova la vacanza al mare – Bluewago) e nelle testimonianze di progetti sul territorio il nostro Edi appunto con Lo Speleovivarium “Erwin Pichl”, Thomas Veritti (Dolomiti Adeventure Park) e Biagio Nappi (Streat Friuli – Istituto Bonaldo Stringher).

Tutto si è svolto davanti ad un pubblico numeroso composto da operatori del settore e project manager nonchè sotto lo sguardo attento di Turismo FVG e del suo top manager M.T. Petrangelo. Edi, con lo spirito che lo contraddistingue, ha destato subito particolare attenzione su di pubblico diverso dal solito, destreggiandosi gradevolmente tra i termini tecnici propri della speleobiologia e quelli invece del project manager quali tabelle, grafici, milestone e statistiche. I risultati illustrati ed il percorso presentato, che a toccato gli eventi principali, il cammino e le prospettive dello Speleovivarium viste da un punto diverso dal solito, sono risultati assai affacinanti agli operatori e agli altri presenti.

Da sotolineare la partecipe e nutrita presenza della delegazione SAS.
Bravo Edi !

Per chi vuole approfondire l’argomento, ecco il LINK alla presentazione multimediale preparata da Edi per l’occasione. 

Foto di Piero Luchesi.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest