Ruggero

La scorsa settimana ci ha l’asciati l’amico Ruggero Calligaris.
E’ stata sempre una persona attiva, che ha operato in vari campi, collaborando con il Museo di Storia Naturale, con Carsiana e con tante altre istituzioni.
Ma non è di questo che vogliamo parlare, altri articoli ne elencheranno i ruoli e ne citeranno la bibliografia.
Vogliamo soffermarci, invece, sull’aspetto umano: Ruggero era sempre disponibile e collaborativo, e lo è stato anche negli ultimi giorni della sua travagliata vita. Nonostante la malattia l’avesse colpito duramente – sempre lucidissimo e ironico – era disponibile con noi per parlare di storia, di grotte e di Carso.
Per ricordarlo degnamente porteremo avanti alcune sue iniziative, come da colloqui già avviati con il Comune di Duino Aurisina.
Ora riposa in pace, Ruggero. Finalmente potrai dedicarti alle tante cose che ti sono sempre piaciute, senza dover più lottare con i tanti affanni che l’esistenza ti ha riservato.

Riproponiamo nuovamente l’immagine di un sorridente Ruggero presso lo Speleovivarium (vedi post), scattata durante il corso di Speleologia in CA di quest’anno. Nel mese di maggio la malattia era già in stato avanzato, ma la possibilità di uscire e di vedere gente gli faceva piacere. Durante la lezione è più volte intervenuto per fare alcune opportune precisazioni, sulla base delle sue lunghe ricerche rivolte al sottosuolo cittadino.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest