Lufloch su Il Piccolo

Anche nella quarta puntata del reportage “Cercando il Timavo” di Piero Spirito, pubblicato sul quotidiano locale Il Piccolo, si parla nuovamente di noi.
Questa volta l’articolo si intitola “Nei cantieri sottoterra da anni si dà la caccia al fiume che non c’è” e racconta dei vari lavori intrapresi dagli speleologi locali per cercare il corso sotterraneo del fiume Timavo.
Ovviamente si accenna anche della grotta Lazzaro Jerko, scavata dalla Commissione Grotte E. Boegan nel 1999, ma la parte del leone la fa la nostra Luftloch. Piero Spirito descrive una sua discesa nella parte iniziale della cavità, spiega le tante difficoltà incontrate ed intervista il “giovane esploratore” Marco Restaino. Parlando delle varie ipotesi maturate negli ultimi anni studiando il comportamento della cavità durante le piene del Timavo e i flussi d’aria uscenti in tali occasioni dall’ingresso della grotta, Marco si sbilancia anche nel dare alcune previsioni sulle dimensioni della caverna finale che sarà trovata alla fine degli scavi. E’ un piccolo azzardo, in quanto ci sono molteplici meccanismi che intercorrono nella formazione delle correnti d’aria che si scatenano nei momenti di piena, ma se alla fine le previsioni si riveleranno esatte sarà una grande soddisfazione l’essere riusciti a dimensionare un vano non ancora scoperto.
L’articolo inizia e finisce con una citazione che noi conosciamo bene: “Il Timavo è un sogno, un sogno che stiamo cercando di far avverare metro dopo metro”. Speriamo che i lavori intrapresi (si scava nella Luftloch da 14 anni…) si concludano presto, e con successo.

L’articolo è scaricabile al seguente link.

Parte iniziale in frana della Luftloch (Foto S. Savini)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest