“Pochi ma Boni” in REAL

Sono in tre (Rocco, Jenni e Siba) con l’intento di allargare la strettoia a –200 m per scendere il pozzo sul quale ci si era fermati la volta precedente, in REAL.
Risalita la parete, viene filata una corda nuova lasciata all’ingresso l’ultima volta e, con grande disappunto, si può notare come qualche simpatico animaletto ha ben pensato di farci colazione, rosicchiando la calza e portando l’anima a vista in più punti.
A parte questo inconveniente, si scende veloci e si arriva subito a –200 m dove si comincia ad allargare il cunicolo. Disponendo di 2 batterie per il trapano, si decide di dedicarne una allo scavo e l’altra per proseguire nell’esplorazione.
Relativamente alla disostruzione, il meandrino che segue alla strettoia porta a un pozzo, dove i tre esploratori si riuniscono con i sacchi di materiale.
Predisposto l’attacco della corda, Rocco inizia a scendere e, dopo pochi metri, il pozzo si fa sempre più ampio. Si deve continuamente pendolare alla ricerca della parete per armare, finché non finisce la corda di 120 m.
Scende quindi Siba con l’altra corda e da questo punto in poi la posizione dei frazionamenti sarà decisa dai segni lasciati dai denti del simpatico roditore. Comunque il pozzo si fa progressivamente più stretto, ma sempre di dimensioni notevoli. Oltrepassata una finestra molto interessante, Rocco viene abbandonato dalla batteria del trapano, e quindi si risale completando il rilievo della parte visitata.
Il giorno dopo sovrapponendo i rilievi del ROLO e del REAL, risulta evidente che finiremo nella “sala del dildo di Adriano” a –400 circa…

Vedi anche le notizie pubblicate in data 22/07/2012, 29/07/2012 e 19/08/2012.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest